Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Resana

Provincia di Treviso - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Giugno  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
             

Manifestazioni e Eventi

Logo Echidna

CENTORIZZONTI t e a t r i 2016-17 - CAERANO SAN MARCO: KALAMBUR TEATRO ALESSIO NARDIN - HAMLECTOMìA


Descrizione:

Kalambur Teatro Alessio Nardin HAMLECTOMìA Regia Alessio Nardin

Luogo:

CAERANO SAN MARCO Teatro Maffioli

Data inizio evento:

01/04/2017

Data fine evento:

01/04/2017

Dettagli evento:

CENTORIZZONTI   T E A T R I   2016-17

 

Teatro Duse ASOLO
Teatro Maffioli CAERANO SAN MARCO
S.Maria del Belvedere CRESPANO DEL GRAPPA

 

23 novembre 2016 > 1 aprile 2017 “ vivi ! ”

 

dell’andare incerto in questo tempo fuori squadra…

 

 

CALENDARIO

 

23 novembre 2016 ore 21 ASOLO
Lella Costa - Marco Baliani
HUMAN

 

20 gennaio 2017 ore 21 ASOLO
Stivalaccio teatro
ROMEO E GIULIETTA

 

11 febbraio 2017 ore 21 ASOLO
Babilonia Teatri
PURGATORIO

 

17 febbraio 2017 ore 21 CRESPANO DEL GRAPPA
Antonella Questa
VECCHIA SARAI TU!

 

11 marzo 2017 ore 21 CAERANO SAN MARCO
Lella Costa
IL PRANZO DI BABETTE

 

18 marzo 2017 ore 21 ASOLO
Natalino Balasso, Francesca Botti
Marta Dalla Via, Beatrice Niero
TONI SARTANA E LE STREGHE DI BAGDÀD

 

1 aprile 2017 ore 21 CAERANO SAN MARCO (fuori abbonamento)
Kalambur Teatro Alessio Nardin
AMLECTOMIA

 

 

TEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

 

10 dicembre, ore 17.00
GLI AIUTANTI DI BABBO NATALE
Ullallà Teatro – Rosso Teatro

 

29 gennaio, ore 16.00
IL MAGO DI OZ
Teatrino Dell'Erba Matta

 

12 febbraio, ore 16.00
AL SIGNOR RODARI
L'Asina sull'Isola

 

www.echidnacultura.it/centorizzonti 2016-17

 

 

DETTAGLIO DEGLI SPETTACOLI 

 

mercoledi 23 novembre 2016 ore 21
ASOLO Teatro Duse
Lella Costa - Marco Baliani
HUMAN
regia Marco Baliani
con la collaborazione drammaturgica di Ilenia Carrone
e con Noemi Medas, Davide Piludu Verdigris, Elisa Pistis, Luigi Pusceddu
scene e costumi Antonio Marras
musiche originali Paolo Fresu
durata 1 ora e 40’
Cos'è l'Europa, cos'hanno significato nel corso dei millenni e dei secoli le migrazioni?
Lella Costa e Marco Baliani rispondono con uno spettacolo tra negazione e affermazione
del concetto di umanità.
Human è uno spettacolo che, come definiscono i suoi autori Marco Baliani e Lella Costa, vuole indagare “la presenza dell’umano e al tempo stesso la sua possibile negazione. Umano è il corpo nella sua integrità fisica e psichica, nella sua individualità. Quando questa integrità viene soppressa, o annullata con la violenza, si precipita nel disumano.” La prima ispirazione è stata l’Eneide, il poema di Virgilio che celebra la nascita dell’impero romano da un popolo di profughi. Poi l’incontro con Lella Costa e la reminiscenza di un altro mito, ancora più folgorante nella sua valenza simbolica e profetica: Ero e Leandro, i due amanti che vivevano sulle rive opposte dell’Ellesponto. Human parte così dal tema delle migrazioni e dalla volontà di raccontarne l’“odissea ribaltata”, ma che nel suo farsi vira incalzato dagli eventi: al centro si pone lo spaesamento comune, quell’andare incerto di tutti quanti gli human beings in questo tempo fuori squadra. È una ricerca teatrale che riflette su quanto sta accadendo negli ultimi anni in Europa, intesa non solo come entità geografica, ma anche come sistema di valori ed idee, con i muri che si alzano, i fondamentalismi che avanzano, gli attentatati che sconvolgono, i profughi che cercano rifugio. Un esempio di teatro civile che incanta e diverte, rendendo lo spettatore più consapevole e virtuosamente indignato o commosso.
Le testimonianze dirette, i brandelli di vita vissuta, le narrazioni tramandate e quelle elaborate sui fatti contingenti, le riflessioni degli autori, i loro ripensamenti, i contributi in video o scritti di quanti accetteranno di esprimersi sull’argomento contribuendo ad arricchirlo di sfumature, faranno parte del diario di viaggio dello spettacolo che sarà possibile seguire on line giorno dopo giorno sul sito www.progettohuman.it.

 

 

venerdì 20 gennaio 2017 ore 21
ASOLO Teatro Duse
Stivalaccio teatro
ROMEO E GIULIETTA
L’Amore è Saltimbanco

Soggetto originale e Regia Marco Zoppello
Con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello
Scenografia Alberto Nonnato - Costumi Antonia Munaretti
Maschere di Roberto Maria Macchi - Duelli di Giorgio Sgaravatto
Consulenza musicale di Veronica Canale
durata 1h 30’

1574.
 Venezia in subbuglio. Per calli e fondamenta circola la novella: Enrico III di Valois, diretto a Parigi per essere incoronato Re di Francia, passerà una notte nella Serenissima. Un onore immenso per il Doge e per la città lagunare. 
 Giulio Pasquati e Girolamo Salimbeni, coppia di ciarlatani saltimbanco dai trascorsi burrascosi, vengono incaricati di dare spettacolo in onore del principe. Mica una storia qualunque, certo che no, la più grande storia d’amore che sia mai stata scritta: Romeo e Giulietta.
Due ore di tempo per prepararsi ad andare in scena, provare lo spettacolo ma, sopratutto: dove trovare la “Giulietta” giusta, casta e pura, da far ammirare al principe Enrico?
 Ecco comparire nel campiello la procace Veronica Franco, poetessa e “honorata cortigiana” della Repubblica, disposta a cimentarsi nell’improbabile parte dell’illibata giovinetta. Si assiste dunque ad una “prova aperta”, alla maniera dei comici del Sogno di una notte di mezza estate, dove la celeberrima storia del Bardo prende forma e si deforma nel mescolarsi di trame, di dialetti, canti, improvvisazioni, suoni, duelli e pantomime.
 Shakespeare diventa, per noi, materia viva nel quale immergere le mani, per portare sul palco , attraverso il Teatro Popolare, le grandi passioni dell’uomo, le gelosie “Otelliane”, i pregiudizi da “Mercante”, “Tempeste” e naufragi, in una danza tra la Vita e la Morte, coltelli e veleni.

 

 

Sabato 11 febbraio 2017 ore 21
ASOLO Teatro Duse
Babilonia Teatri e ZeroFavole
PURGATORIO

con Enrico Castellani e Daniele Balocchi, Maria Balzarelli,
Chiara Bersani, Carlo Trolli, Paolo Terenziani
foto Andrea Avezzù
luci e audio Babilonia Teatri/Luca Scotton
con il sostegno di Fondazione I Teatri di Reggio Emilia e Fondazione Alta Mane Italia (AMI)
residenze Corte Ospitale, Biennale Teatro

Purgatorio è i nostri segreti e i nostri desideri. Purgatorio svuota l'idea di peccato come il catechismo, l'insegna e la seppellisce con una risata liberatoria e iconoclasta.
Purgatorio confessa l'inconfessabile e racconta le nostre debolezze e fragilità, brutture e sporcizia.
Ci chiude gli occhi con cambre di ferro come agli invidiosi. Ci fa chinare la testa per rialzarla ogni volta. Carichi di orgoglio e dignità. Purgatorio non mette in scena Dante ma ne sposa l'epica. Ci ricorda l'unicità di ogni vita e la sua grandezza.
Purgatorio sono corpi diversi che si incontrano sul palco per farsi metafora di un'umanità più larga: che soffre e che ride. Che gioca con Dante e con la sua Commedia. In un continuo scivolare tra verità e finzione, immaginando che veleggiare dal quotidiano alla commedia e viceversa sia una possibilità reale e tangibile. (…) C'è qualcosa di molto personale in questa ricerca dei Babilonia: i ragazzi down, la ragazza in carrozzella evocano un inatteso vitalismo, un bisogno di reagire al dolore. Renato Palazzi, Il Sole 24 Ore, 11/09/2016

 

 

Venerdi 17 febbraio 2017 ore 21
CRESPANO DEL GRAPPA Teatro S. Maria del Belvedere
Antonella Questa
VECCHIA SARAI TU!

di A. Questa in collaborazione con F. Brandi
regia Francesco Brandi
coreografie Magali B. “Compagnie Madeleine&Alfred”
disegno luci Carolina Agostini

Premio Cervi-Teatro della Memoria 2012
Premi Calandra 2012 Migliore Spettacolo, Migliore Attrice, Migliore Regia

Un viaggio alla scoperta di come oggi tre donne vivono la loro età e l'avanzare inesorabile del tempo: chi si rifiuta di invecchiare per sentirsi ancora “giovane”, chi da vecchia subisce la tirannia del “invecchiare bene” e chi giovane lo è davvero, ma si sente già vecchia!
Le donne, la loro età e l'invecchiamento al quale non hanno ancora diritto.
Uno spettacolo comico per esorcizzare la paura di invecchiare e ricordarsi che “vecchia” …. lo sarai anche tu! "... Tre generazioni femminili, nonna, nuora, nipote. Storie vere, concrete, reali...
Divertimento, commozione e un'esplosione di applausi di speciale calore"
Valeria Ottolenghi, 06.02.12 Gazzetta di Parma

 

 

sabato 11 marzo 2017 ore 21
CAERANO SAN MARCO Teatro Maffioli Villa Benzi Zecchini
IL PRANZO DI BABETTE
Lella Costa
reading dal racconto “Il pranzo di Babette” scritto da Karen Blixen
ritorna Lella Costa, una delle artiste più colte e sensibili del teatro italiano, incontra il romanzo della scrittrice danese Karen Blixen, quel “Pranzo di Babette” divenuto famoso grazie al celebre film diretto da Gabriel Axel (1987). Una riflessione sulla necessità della condivisione, una testimonianza del fatto che felicità e benessere non sono possibili se non sono collettivi. Babette, cuoca francese riparatasi in un paesino della Danimarca per fuggire alla Comune di Parigi, decide di impiegare i diecimila franchi d’oro vinti a una lotteria cucinando un pranzo succulento solo per dodici invitati. Un modo per offrire felicità autentica a persone che non se la possono permettere. Babette è grata per essere stata accolta. Col suo gesto vuole ringraziare, o meglio vuole mettersi al servizio degli altri come scelta consapevole.

 

 

sabato 18 marzo 2017 ore 21
ASOLO Teatro Duse
Natalino Balasso, Francesca Botti
Marta Dalla Via, Andrea Collavino, Denis Fasolo, Beatrice Niero
TONI SARTANA E LE STREGHE DI BAGDÀD
(La Cativìssima - capitolo II)

Produzione Teatro Stabile del Veneto - Teatro Nazionale
Comedia di Natalino Balasso
Scenofonia, luminismi, stile Roberto Tarasco

Toni Sartana e le streghe di Bagdàd è la seconda commedia de LA CATIVÌSSIMA, la trilogia dedicata a Toni Sartana. Dopo aver conquistato migliaia di spettatori con le sue prime “nefaste” peripezie, l’anti-eroe corrosivo nato dalla fantasia di Natalino Balasso. torna ad abitare i palcoscenici italiani. Se il primo capitolo guardava alla politica, il secondo sposta la sua lente deformante sull’economia. Una drammaturgia originale, perfettamente autonoma e distinta dall’episodio precedente, per raccontare da un diverso punto di vista l’inarrestabile decadimento di una società tragicamente comica. Nuove avventure surreali e fuori dagli schemi, senza mezzi termini né remore morali, che coinvolgono alcuni personaggi chiave già presenti nel primo capitolo, come la moglie Lea e l’amico di famiglia Ettore Bordin, sempre alle prese con scandali e sotterfugi, pronti a giocarsi il tutto per tutto pur di raggiungere i vertici della piramide economica Ma ci sarà spazio anche per nuove esilaranti maschere contemporanee, espressione di un mondo sempre più senza regole. A partire dalle tre streghe del titolo, le cui profezie, come nel “Macbeth” di Shakespeare, sono il motore propulsore di un intreccio che si dipana tra ribaltamenti di situazioni e continui colpi di scena. E dal momento che nulla può fermare la fame di successo del protagonista, Sartana avanzerà verso mete sempre più sconsiderate, fino al rovinoso finale che lo vedrà travolto dal nemico numero uno: il Debito.
“Credo che questa seconda Cativìssima cominci a disvelare il racconto globale di questa trilogia, siamo sulle tracce di una discesa interiore, di una rovina verso gli inferi, che scaturisce da ascese esteriori.
“(…) Tutto ciò che chiamiamo progresso serve spesso a mascherare la perdita di terreno sotto i piedi della nostra anima; Sartana continua ad arrampicarsi aggrappandosi a tutti quelli che trova intorno per dimenticare che, perso il contatto con la terra, perdiamo anche la capacità di spiccare il volo”.
Natalino Balasso

 

 

Sabato 1 aprile 2017 ore 21 fuori abbonamento
CAERANO SAN MARCO Teatro Maffioli
Kalambur Teatro Alessio Nardin
HAMLECTOMìA
Regia Alessio Nardin
con Alexandra Florina Lovin, Gioia D’angelo, Martina Testa, Moreno Petroni, Camilla Bonacchi.
Produzione Kalambur Teatro

A conclusione della residenza artistica Kalambur teatro presenta lo spettacolo compiuto:è un’anatomia scenica di Hamlet di Shakespeare: una scomposizione del testo letterario per ricomporlo poi per quadri in una forma di “scrittura scenica”. Questo ha creato un nuovo registro linguistico basato sull’azione diretta in scena. Ciò che ne è scaturito è un viaggio nell’Europa di oggi attraverso le persone/personaggi di Shakespeare e le visioni di Bosch: così ci siamo ritrovati ad indagare i conflitti dell’uomo contemporaneo rispetto alla morale, l’etica, l’arte, lo stato, la religione, l’amore. In tal senso sarà un esperimento teatrale, cioè sperimenterà la nostra idea di teatro: un’indagine intorno all’Europa e all’uomo, alle sue bellezze e alle sue deformità, che nella loro esasperazione possono divenire affascinanti. Questo spettacolo è stato costruito attraverso un percorso laboratoriale di alta formazione pluriennale diretto da Alessio Nardin T-LAD (Teatro-Laboratorio di Arte Drammatica) . Kalambur Teatro–Compagnia Alessio Nardin lo ha prodotto, confermando la sua vocazione di valorizzare progetti che coinvolgano giovani professionisti in ambito contemporaneo.

 

 

ASOLO Teatro Duse , TEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

 

Sabato 10 dicembre, ore 17.00
GLI AIUTANTI DI BABBO NATALE
Ullallà Teatro – Rosso Teatro
Di e con: Pippo Gentile, Alessandro Rossi
Testo di Paola Brolati
teatro d'attore, narrazione ed elementi di teatrodanza

È quasi mezzanotte, i due aiutanti di Babbo Natale stanno cercando di preparare gli ultimi regali prima che cominci la notte di Natale. Nel loro piccolo laboratorio dovrebbero assemblare giocattoli, ma com’è possibile non iniziare a giocare? Comincia così un’interminabile sfida a colpi di giochi, scherzi reciproci e gare di ballo. Riusciranno i due aiutanti a completare il lavoro in tempo prima che cominci la magica notte di Natale?

 

Domenica 29 gennaio 2017, ore 16.00
IL MAGO DI OZ
Teatrino Dell'Erba Matta
Produzione I.SO. SCARL
Con Daniele Debernardi, Anna Damonte, Paolo Rossi, Marino Lagorio
teatro d'attore, pupazzi.

Incontriamo i celebri personaggi del romanzo di Frank Baum, tutti alla ricerca di qualcosa: Dorothy vuole tornare a casa, l'omino di paglia ha bisogno di un cervello, l'uomo di latta desidera un cuore perché pensa di essere privo di sentimenti ed ancora un leone, re della foresta, è alla ricerca del coraggio. Ma solamente Oz li potrà accontentare. Riusciranno a realizzare i loro sogni?

 

Domenica 12 febbraio 2017, ore 16.00
AL SIGNOR RODARI
L'Asina sull'Isola
di e con Katarina Janoskova e Paolo Valli
testi di Gianni Rodari, disegni di Emanuele Luzzati
Teatro d'attore e teatro d'ombre dai 4 anni
Due personaggi arrivano con le loro torce e scoprono una soffitta immaginaria, le piccole luci illuminano i particolari di vecchi oggetti: qualche libro, una bacinella, un ombrellino, un vecchio box da bambino, cornici vuote, cesti...e tutto questo pian piano si riempirà di favole e di immagini d'ombre colorate. Un viaggio attraverso alcune celebri favole e filastrocche di Gianni Rodari, é uno spettacolo fatto di piccole storie che si rincorrono sulla scena, dentro e fuori poetici spazi d'ombra, che grazie anche alle delicate figure di Lele Luzzati sanno catturare i piccoli grandi e grandi piccoli.

 

Informazioni: Biblioteca di Asolo, Via J. Da Ponte - Casella d'Asolo Telefono: 0423 95131

 

 

_________________________________________________________________________________
Abbonamento 6 spettacoli
85,00 € interi – 75,00 € residenti e ridotti
(posti numerati)

Vendita abbonamenti gg. 17- 18/11 ore 17.00 -19.00 e 19/11 ore 10.30 - 12.30
Sala Blu (accanto a ACI) c/o Fornace di Casella d’Asolo
Biglietti
22,00 – 18,00 € - Human,Toni Sartana
15,00 – 13,00 € € Romeo e Giulietta, Purgatorio,
Vecchia sarai tu, il Pranzo di Babette;
10,00 € - Hamlectomia
(posti numerati)

Online MAILTICKET.IT

Biglietti TEATRO BAMBINI E FAMIGLIE
1,00 € fino ai 14 anni / 2,00 € dai 14 e adulti
(posti non numerati)

Prenotazioni abbonamenti e biglietti
Tel. 041. 412500 (feriali in orari d’ufficio) Cell. 340. 9446568)
email info@echidnacultura.it indicando nome, cognome,n cell., n. biglietti, tipologia - fino a 4 biglietti per nominativo.

Prevendita biglietti
I Sabati precedenti gli spettacoli a partire dal 19 novembre
( 19.11 – 14.01 – 11.02 – 4.03 – 11.03 – 18.03)presso La Fornace di Asolo Via Strada Muson
Presso sportelli Credito Trevigiano BCC www.creditotrevigiano.it
Vendita biglietti il giorno dello spettacolo
alla biglietteria dei teatri da un’ora prima dello spettacolo

Riduzioni
Persone residenti nei Comuni che aderiscono alla rete Centorizzonti;
Giovani fino ai 25 e adulti dai 65; disabili e loro accompagnatori; iscritti alle Biblioteche dei Comuni della rete; iscritti Confartigianato, CNA,Coldiretti e Confcommercio; abbonati a Zeroinfinito e iscritti Bel-Vedere Lab Mirano; soci COOP (è necessaria l’esibizione del documento o tessera)

Informazioni generali
- Tel 041. 412500 - 3409446568 www.echidnacultura.it
- Tel 0423 951317 Biblioteca di Asolo https://www.facebook.com/biblioteca.asolo/
- Tel 0423 650509 Fondazione Villa Benzi Zecchini ,Caerano di San Marco TV www.villabenzizecchini.it
- Tel 0423 538516 Biblioteca Comunale Crespano del Grappa http://www.bibliotecacrespano.altervista.org

 

CENTORIZZONTI 2016-17
è uni iniziativa sostenuta da
REGIONE DEL VENETO

promosso dalla rete dei Comuni di
Altivole, Asolo Castello di Godego, Caerano San Marco, Castelfranco Veneto,Crespano del Grappa, Maser,Resana,Riese Pio X, S.Zenone degli Ezzelini, Unione sette ville (Alano di Piave, Quero, Vas)

ideazione e realizzazione
ECHIDNA Paesaggio Culturale

con il contributo di
ASCO HOLDING

Collaborazioni tecniche
Credito Trevigiano BCC
Koine’Comunicazione
Kappadue arti grafiche

Ente:

Resana

Tipo:

Cultura

Via Castellana 2 - 31023 Resana (TV)
Codice Fiscale 81000610261 - P.I. 00853780260
E-mail: protocollo@comune.resana.tv.it PEC: protocollo.comune.resana.tv@pecveneto.it